Piorrea e sanguinamento gengivale

Piorrea e sanguinamento gengivale

Oggi parleremo di piorrea e sanguinamento gengivale un disturbo che per ricorrenza è secondo solo alle carie dentali. La piorrea è un’infiammazione che spesso inizia con un sanguinamento delle gengive che in molti casi viene ignorato e solo in seguito ai forti dolori, ci porta dal dentista!

Hemorragia-piorrea-y-gingival

Piorrea e sanguinamento gengivale un pericolo silente!

Certo a tutti più o meno è capitato di avere delle perdite di sangue dalle gengive, spesso non ci si fa neanche caso, dando la colpa all’eccessiva foga con la quale ci siamo puliti i denti; ma questi sono segnali che se accostati ad altri dovrebbero farci capire che è il caso di fare una visita dal Dentista.

Patologie gengivali

Le patologie gengivali raccolgono un insieme di malattie infiammatorie che colpiscono il parodonto, cioè i tessuti che circondano e sostengono i denti. Sono caratterizzate da un processo lento, causato da batteri che colonizzano i denti, compreso il solco (lo spazio tra i denti e le gengive). Questi batteri creano acidi, enzimi e tossine che decompongono ed erodono le strutture che sostengono i denti (gengive e ossa che circondano i denti). La Piorrea o Parodontite è uno stadio delle patologie gengivali (l’altro è la gengivite), che comporta la perdita progressiva dell’osso alveolare intorno ai denti e, se non trattata, può portare l’allentamento e la successiva perdita di denti.

Gravi problemi gengivali

La Piorrea o Parodontite rientra tra i gravi problemi gengivali che possono determinare serie conseguenze. Come si diagnostica la Piorrea? I pazienti devono rendersi conto che l’infiammazione delle gengive e la distruzione ossea sono in gran parte indolori; e in molti individui la malattia progredisce in modo significativo ancor prima che il paziente cerchi aiuto. Se si presenta uno qualsiasi dei seguenti sintomi, la visita specialistica dal parodontologo è raccomandata!

  • Rossore o sanguinamento delle gengive mentre si lavano i denti o si mangiano i cibi duri (ad es. Mele).
  • Gonfiore delle gengive che si verifica frequentemente anche dopo una pulizia professionale dei denti.
  • Divario progressivo tra i denti e progressivo movimento verso l’esterno.
  • Alitosi o alito cattivo e un persistente sapore metallico in bocca.
  • Recessione gengivale, con conseguente apparente allungamento dei denti. 
  • Tasche profonde (lo spazio compreso tra gengive e i denti) di 6-7 mm possono creare un alto rischio di infezione sistemica e perdita dei denti.

Soluzioni dei problemi di retrazioni gengivali

Quali sono le soluzioni dei problemi di retrazioni gengivali? È ancora prima da cosa dipende la retrazione gengivale? Come abbiamo detto le cause della piorrea sono differenti e si possono riassumere con 4 tipologie:

 

  • Fisiologiche, a causa di una gengiva sottile, radici dei denti molto sporgenti, denti ruotati.
  • Traumatiche, lavarsi i denti con setole troppo dure, utilizzare troppa forza durante la pulizia dei denti, un utilizzo scorretto del filo interdentale, il piercing o una malocclusione dentale possono causare un’infiammazione di tipo traumatico.
  • Virali, l’herpes simplex ad esempio causa lesioni bollose che evolvono in ulcere.

Batteriche, un scarsa igiene dentale favorisce l’accumulo di placca batterica sulla superficie dentale.

Curare la Piorrea e possibile anche nei suoi stadi più avanzati! Alla base della cura c’è la pulizia professionale del cavo orale! Qualsiasi trattamento deve prevedere prima di tutto la rimozione accurata di placca e tartaro dalla superficie dentale e gengivale. Nelle forme meno gravi di piorrea, questo tipo di trattamenti sono sufficienti a consentire la guarigione. Laddove invece la piorrea sia ad uno stadio avanzato, è necessario ricorrere a trattamenti chirurgici.

La gravità della parodontite può arrivare a pregiudicare il mantenimento in sede degli elementi dentari. Quando si arriva a questo punto la chirurgia può essere d’aiuto con interventi chiamati resettivi o rigenerativi.

Chirurgia resettiva:

La gravità della parodontite può arrivare a pregiudicare il mantenimento in sede degli elementi dentari. Quando si arriva a questo punto la chirurgia può essere d’aiuto con interventi chiamati resettivi o rigenerativi.

 

Chirurgia rigenerativa:

Grazie a questa tecnica è possibile intervenire su tasche molto profonde, più di 5 mm. È definita come la rigenerazione dell’insieme dei tessuti a sostegno del dente: osso alveolare, parodontale e cemento radicolare. Si utilizzano bio materiali (osso sintetico) e dei separatori di tessuti definiti membrane.

Piorrea e sanguinamento gengivale non sono un problema da sottovalutare ma neanche facile da diagnosticare! La base per evitare questo tipo di patologie è quello di:

  1. Lavarsi bene i denti con uno spazzolino adeguato (durezza spatole) o meglio ancora con uno spazzolino a ultrasuoni.
  2. Realizzare ciclicamente la pulizia dentale professionale, ogni 6-12 mesi.
  3. Utilizzare il filo dentale almeno una volta al giorno.