Terapie Conservative dentali ed endonzia

Terapie Conservative Dentali ed endonzia

Per conservare la salute dei tuoi denti

Non c’è mai stato un filosofo che potesse sopportare pazientemente il mal di denti. (William Shakespeare)

Le terapie conservative dentali  hanno lo scopo di “conservare” e che quindi consentono al paziente di mantenere i propri elementi dentali che per carie o per traumi non sono più integri. Una volta effettuata la diagnosi, la procedura più comune consiste nella rimozione del tessuto cariato, nell’otturazione e nel ripristino dell’anatomia originale dell’elemento dentario interessato, utilizzando materiali di ultima generazione che riproducono quanto più fedelmente possibile il colore e la forma originali.

La ricostruzione dei denti interessati può avvenire in maniera diretta (l’odontoiatra ricostruisce il dente) oppure indiretta (in caso di ampie lesioni, l’odontoiatra ricorrerà alla presa di un’impronta che invierà al laboratorio per la ricostruzione della parte del dente mancante). Quando la lesione cariosa si estende in profondità all’interno del dente colpito, si deve ricorrere alla devitalizzazione del dente o a terapia canalare.

In caso di devitalizzazioni avvenute in precedenza, ma sulle quali si presenti la necessità di intervenire nuovamente, si ricorrerà alla rimozione dei materiali inseriti nei canali radicolari con la tecnica del ritrattamento. Tutte le terapie conservative dentali menzionate avvengono anche con l’ausilio di laser che, correttamente utilizzati e con idonee lunghezze d’onda, eliminano le lesioni cariose e consentono terapie indolori con un minore ricorso all’anestesia sia nei bambini sia negli adulti.

conservativa